Anche se il Metaverso è ancora un concetto giovane, piattaforme come The Sandbox e Decentraland hanno già iniziato a vendere immobili digitali tramite token non fungibili (NFT), un particolare tipo di token fruibile su reti blockchain che può rappresentare un’ampia gamma di oggetti unici. Quando una persona acquista un immobile del Metaverso, la rete blockchain che alimenta la piattaforma conferma la transazione e trasferisce la proprietà all’individuo.

A questo punto, il proprietario di un immobile virtuale NFT può affittare il suo immobile, venderlo o costruirci sopra una casa dopo l’acquisizione del relativo immobile virtuale NFT.

Per esempio, Atari – un noto produttore giapponese di videogiochi, ha acquisito 20 proprietà digitali in Decentraland e vi ha stabilito il proprio casinò crittografico sulla piattaforma. I giocatori possono dunque effettuare scommesse e riscuotere premi in criptovaluta utilizzando il token Atari nativo basato su ERC20, che è completamente esente da imposte. Atari ha anche rivelato i propri piani per costruire un complesso alberghiero virtuale nel 2022, situato nel Regno Unito.

Insomma, nel Metaverso è ben possibile acquistare beni immobili e altri oggetti digitali. E, sotto forma di NFT, diverse piattaforme di Metaverso hanno creato mercati in cui gli utenti possono acquistare e scambiare terreni digitali e altri oggetti di valore.

Come acquistare terreni e case sul Metaverso

Per acquistare terreni e case digitali nel Metaverso l’utente deve innanzitutto scegliere la piattaforma che intende utilizzare. Decentraland e The Sandbox sono due delle diverse possibilità più popolari, anche se una rapida ricerca su Google ti permetterà di trovarne molte altre. In ogni caso, prima di acquistare un immobile nel Metaverso, è bene documentarsi leggendo attentamente il regolamento che disciplina il funzionamento di tali asset.

Quindi, l’utente deve prima costruire un wallet digitale di criptovalute, un programma informatico che si connette a una rete blockchain e salva le chiavi private delle criptovalute. Il portafoglio deve anche essere compatibile con la blockchain collegata, ovvero con la piattaforma che guida il Metaverso.

Da qui, il cliente deve andare sul marketplace della piattaforma Metaverso scelta e stabilire una connessione con il wallet, al fine di regolare i prezzi di trasferimento.

Insomma, per certi versi l’acquisto di un immobile digitale sembra essere abbastanza simile a quello di un immobile reale. Prima di decidere, l’acquirente deve considerare il prezzo, la posizione e il potenziale valore futuro del terreno digitale che sta pensando di acquistare.

Una volta individuato un terreno, l’acquirente deve di fatti procurarsi i token o le criptovalute utilizzate per acquistare la proprietà e inserirli nel proprio wallet digitale. Il tipo di token o moneta richiesto per completare la transazione varia a seconda della piattaforma di Metaverso utilizzata. L’acquisto di token MANA, ad esempio, è necessario per acquistare un terreno digitale in Decentraland. Per acquistare un terreno in The Sandbox sono necessari i token SAND, che l’acquirente dovrà procurarsi in un exchange, e non solo.

Ciò detto, se l’acquirente ha già collegato il suo wallet digitale al mercato del Metaverso e lo ha finanziato, non gli resta che fare un’offerta per il terreno o acquistarlo direttamente dal venditore. Il terreno sarà cancellato dal portafoglio digitale e un NFT equivalente al terreno sarà trasferito al wallet digitale dell’utente. La stessa procedura si applica all’acquisto di oggetti non transazionali nel Metaverso, come i vestiti e gli accessori per gli avatar.