criptovalute africane

Come tutti i nostri lettori dovrebbero ben sapere, le criptovalute sono un tipo di asset digitale che utilizza la crittografia per proteggere le transazioni e controllare la creazione di nuove unità.

Le criptovalute sono tipicamente decentralizzate, ovvero non sono soggette al controllo di governi o istituzioni finanziarie. Il Bitcoin, la prima e più nota criptovaluta, è stato creato nel 2009 dando il via alla creazione di migliaia di altre valute digitali, utilizzabili per acquistare beni e servizi o per scambi a scopo di lucro.

In Africa, le criptovalute stanno diventando sempre più popolari: in questo Continente è sempre più frequente la ricerca di sistemi di pagamento alternativi a quelli bancari tradizionali.

In questo articolo analizzeremo proprio alcune delle criptovalute africane più popolari e condivideremo insieme se sia o meno una buona ragione investire in esse (e come fare!).

Che cos’è una criptovaluta?

Prima di addentrarci su questo tema, condividiamo come la criptovaluta sia una valuta digitale o virtuale che utilizza la crittografia per la sicurezza. Una caratteristica notevole delle criptovalute è che sono decentralizzate: nessuna singola autorità o istituzione controlla la valuta. Le criptovalute sono spesso scambiate su borse decentralizzate e possono anche essere utilizzate per acquistare beni e servizi.

Le criptovalute sono salite alla ribalta nel 2009 con il lancio del Bitcoin, la prima criptovaluta decentralizzata al mondo: da allora però sono state create numerose altre  valute digitali come Ethereum, Litecoin, Bitcoin Cash e molte altre.

Sebbene siano molto diverse tra di loro, le criptovalute sono spesso lodate per il loro potenziale di alternativa alle tradizionali valute fiat. Possono infatti essere utilizzate per effettuare pagamenti senza la necessità di ricorrere a terzi, come una banca o una società di carte di credito. Le criptovalute offrono anche il potenziale per una maggiore privacy rispetto ai metodi di pagamento tradizionali.

Tuttavia, le criptovalute presentano anche diversi svantaggi. La loro natura decentralizzata le rende difficili da regolamentare. Sono anche soggette a oscillazioni di prezzo volatili, il che le rende un investimento tipicamente rischioso. Inoltre, le criptovalute sono state associate ad attività criminali, a causa della loro natura anonima e della mancanza di regolamentazione.

Nonostante queste sfide, le criptovalute continuano a crescere in popolarità e utilizzo. Con un numero sempre maggiore di aziende e privati che iniziano ad accettarle come strumento di pagamento, è probabile che il loro utilizzo continui ad espandersi.

Le criptovalute africane

Ora che abbiamo ricordato che le criptovalute sono un tipo di asset digitale che utilizza la crittografia per proteggere le transazioni e controllare la creazione di nuove unità, e ribadito che le criptovalute sono tendenzialmente decentralizzate, ovvero non sono soggette al controllo di governi o istituzioni finanziarie, possiamo cercare di fare un passo in avanti nei confronti delle criptovalute africane.

I Paesi africani hanno adottato lentamente le criptovalute rispetto ad altri continenti. Tuttavia, l’interesse per le criptovalute in Africa sta crescendo, come dimostra il lancio di una serie di exchage di criptovalute africane e la formazione di una serie di associazioni africane di criptovalute.

Le ragioni di questo interesse sono molteplici, tra cui il fatto che molti africani non hanno accesso ai servizi bancari tradizionali e gli alti livelli di inflazione di alcuni Paesi africani.

Alcuni Paesi africani hanno peraltro già iniziato a sperimentare le proprie criptovalute. Nel 2018, la Repubblica del Senegal ha lanciato eCFA, una criptovaluta sostenuta dall’Agenzia monetaria dell’Africa occidentale. L’eCFA è destinato ad affiancare l’attuale franco CFA come mezzo di pagamento negli otto Stati membri dell’Unione economica e monetaria dell’Africa occidentale. Nel 2019, la Tunisia è stata il primo Paese africano a lanciare una propria valuta digitale emessa dalla banca centrale, nota come eDinar. L’eDinar è destinato a essere utilizzato come mezzo di pagamento e come riserva di valore.

I vantaggi delle criptovalute africane

Le criptovalute africane sono token digitali o virtuali che utilizzano la crittografia per proteggere le transazioni e controllare la creazione di nuove unità. Le criptovalute sono decentralizzate, ovvero non sono soggette al controllo di governi o istituzioni finanziarie.

I Paesi africani hanno tardato ad adottare le criptovalute, ma il loro interesse è in crescita visto e considerato che le criptovalute offrono una serie di vantaggi ai Paesi africani. Proviamo a schematizzare i principali:

  • riducono le pressioni inflazionistiche. Le criptovalute non sono soggette al controllo della banca centrale e quindi la loro offerta non è influenzata dalla politica governativa. Ciò le rende meno vulnerabili alle pressioni inflazionistiche
  • promuovono l’inclusione finanziaria. Le criptovalute possono essere utilizzate da chiunque abbia una connessione a Internet. Ciò le rende accessibili a un’ampia gamma di persone, comprese quelle che non hanno accesso ai servizi bancari tradizionali
  • contribuiscono a ridurre i costi. Le transazioni effettuate con le criptovalute sono in genere più economiche di quelle effettuate con i metodi di pagamento tradizionali, come le carte di credito o i bonifici bancari.

I rischi delle criptovalute africane

Le criptovalute africane sono un fenomeno relativamente nuovo e, come tale, comportano una certa dose di rischio. Se da un lato ci sono molti vantaggi potenziali nell’investire in queste valute, tra cui la possibilità di ottenere rendimenti elevati, dall’altro ci sono anche alcuni rischi di cui essere consapevoli.

Uno dei rischi maggiori è che le criptovalute africane sono non regolamentate. Ciò significa che non esiste una supervisione o una protezione da parte del governo nel caso in cui qualcosa vada storto. Inoltre, queste valute non sono ancora ampiamente accettate, quindi il loro mercato è limitato. Ciò può rendere difficile vendere il proprio investimento se si decide di uscirne.

Un altro rischio da considerare è che molti Paesi africani sono instabili dal punto di vista politico ed economico. Questo potrebbe rendere difficile riconvertire il vostro investimento in valuta fiat in caso di necessità, oppure potreste finire per essere pagati in una valuta che sta rapidamente perdendo valore.

Naturalmente, come per ogni investimento, il rischio di perdita è sempre presente. Tuttavia, se fate le vostre ricerche e investite con attenzione, i potenziali benefici dell’investimento in criptovalute africane potrebbero superare i rischi.

Come investire nelle criptovalute africane

Quando si tratta di investire in criptovalute africane, ci sono alcune cose da sapere. Innanzitutto, il continente ospita alcune delle persone più innovative e imprenditoriali del mondo. Ciò significa che il mercato africano delle criptovalute ha un grande potenziale di crescita. In secondo luogo, è necessario essere consapevoli dei rischi che comporta l’investimento in qualsiasi criptovaluta. Come per ogni investimento, c’è sempre la possibilità di perdere denaro. Tuttavia, se si fanno ricerche e si investe con attenzione, i guadagni possono essere notevoli.

Ecco alcuni consigli su come iniziare a investire nelle criptovalute africane:

  1. Fate le vostre ricerche. Come per ogni investimento, è importante fare ricerche prima di investire il proprio denaro. Ciò significa informarsi il più possibile sul mercato africano delle criptovalute e sulle varie monete disponibili. Potete farlo leggendo articoli, come questo, e parlando con altri investitori.
  2. Scegliere un exchange affidabile. Una volta fatta la ricerca e deciso in quali monete si vuole investire, è necessario trovare un exchange di criptovalute affidabile dove poterle acquistare. Ci sono molti exchange disponibili, quindi è importante confrontarli prima di decidere quale utilizzare. Dovete anche assicurarvi che l’exchange sia regolamentato da un ente governativo.
  3. Conservare le monete in modo sicuro. Una volta acquistate le monete, è necessario conservarle in modo sicuro. Il modo migliore per farlo è utilizzare un portafoglio hardware, come Trezor o Ledger Nano S. Questi dispositivi consentono di conservare le monete offline, il che li rende molto meno vulnerabili agli hacker.

In conclusione, in questo articolo abbiamo visto che esiste una ricca varietà di criptovalute africane che vengono sviluppate e utilizzate nel continente. Sebbene ognuna di esse abbia caratteristiche uniche, tutte condividono l’obiettivo di fornire un modo più accessibile ed efficiente di condurre le transazioni.

Le criptovalute africane hanno il potenziale per trasformare il modo in cui le imprese e gli individui operano nel continente e… non ci resta che vedere cosa riserva il futuro a questo settore in crescita!