Come noto a tutti i lettori che ci seguono con maggiore attenzione, le criptovalute giapponesi sono una nuova forma di denaro digitale che utilizza la crittografia per proteggere le transazioni e controllare la creazione di nuove unità. Possono essere scambiate su exchange decentralizzati e possono anche essere utilizzate per acquistare beni e servizi.

In questo articolo vi presenteremo le più diffuse criptovalute in Giappone e vi spiegheremo come funzionano.

Cosa sono le criptovalute giapponesi?

Le criptovalute giapponesi sono token o monete digitali che utilizzano la crittografia per proteggere le transazioni e controllare la creazione di nuove unità. Alcune delle più note criptovalute al mondo sono state create in Giappone e, in ogni caso, il Paese asiatico si è dimostrato terreno piuttosto fertile per accogliere al proprio interno anche le criptovalute che non sono giapponesi, ma sono state create in altre parti del globo.

Complessivamente, le criptovalute giapponesi hanno guadagnato un notevole seguito in tutto il mondo grazie alla loro struttura a basso costo, alle caratteristiche di sicurezza e alla rapida adozione a livello globale.

Come funzionano le criptovalute giapponesi?

Le criptovalute giapponesi hanno un funzionamento comune a quasi tutte le criptovalute oggi esistenti al mondo, utilizzando una rete decentralizzata e peer-to-peer per operare. Le transazioni sono dunque elaborate dai partecipanti alla rete invece che da un unico amministratore o gestore. Inoltre, le criptovalute giapponesi hanno in genere commissioni di transazione più basse rispetto alle criptovalute globali.

La criptovaluta giapponese più nota è forse il Bitcoin, anche se non ci sono prove che sia stata creata proprio in questo Paese. Il Bitcoin è stato generato nel 2009 da una persona o un gruppo di persone anonime note come Satoshi Nakamoto: non è regolato da alcun governo o istituzione finanziaria e non è soggetto alle politiche o ai regolamenti delle istituzioni finanziarie. Il Bitcoin è unico anche perché è la prima criptovaluta ad essere decentralizzata.

Quali sono le principali criptovalute giapponesi?

Le criptovalute giapponesi sono tra le più popolari al mondo e vengono quotidianamente utilizzate da milioni di persone per acquistare beni e servizi e possono anche essere scambiate in borsa. Ma quali sono le criptovalute più diffuse in Giappone?

I token e le valute digitali più presenti in Giappone sono:

  • Bitcoin: il Bitcoin è la criptovaluta più conosciuta in Giappone. Viene utilizzato per acquistare beni e servizi e per effettuare scambi. La popolarità del Bitcoin in Giappone è in continua crescita
  • Ethereum: Ethereum è la seconda criptovaluta giapponese più popolare. È stata creata nel 2015 e utilizza la tecnologia blockchain per consentire agli utenti di effettuare pagamenti e stipulare contratti
  • Litecoin: Litecoin è la terza criptovaluta giapponese più popolare. È stata creata nel 2011 e continua a resistere tra le principali valute fruite nel Paese
  • Bitcoin Cash: Bitcoin Cash è la quarta criptovaluta giapponese più popolare. È stata creata nel 2017 e continua a conservare una buona quota di mercato
  • NEO: NEO è la quinta criptovaluta giapponese più popolare. È stata creata nel 2014 e utilizza la tecnologia blockchain per pagamenti sicuri e rapidi.

Insomma, le criptovalute giapponesi sono tra le più popolari al mondo e il Giappone è uno dei Paesi in cui le criptovalute hanno trovato un buon interesse. Tutto lascia presagire che sarà così anche nei prossimi anni…