Come forse sai già se ti sei avvicinato a questo strumento in passato, ETF è l’acronimo di exchange-traded fund: si tratta di una forma di strumento finanziario che cerca di replicare un indice, un settore, una materia prima o un altro asset, e che può essere acquistato e venduto sul mercato azionario come un normale titolo.

Un ETF può cercare di replicare qualsiasi cosa, dal prezzo di una singola materia prima a un vasto e diversificato portafoglio di attività. E, peraltro, può anche essere progettato per realizzare specifiche strategie di investimento.

Tipologie di ETF

Gli investitori possono utilizzare una serie di ETF per generare reddito, speculare sull’aumento dei prezzi e coprire o compensare parzialmente il rischio nei loro portafogli finanziari.

Di seguito condividiamo una panoramica di alcuni dei più popolari fondi negoziati in borsa (ETF) attualmente disponibili.

ETF obbligazionari

Gli ETF obbligazionari sono utilizzati per offrire agli investitori un flusso costante di reddito. La performance delle obbligazioni sottostanti determina la distribuzione dei loro guadagni. Ne sono un esempio le obbligazioni governative e societarie. A differenza delle attività sottostanti, gli ETF obbligazionari non hanno una data di scadenza prestabilita, ma in genere scambiano con uno sconto o un premio rispetto al prezzo effettivo dell’obbligazione.

ETF azionari

Gli ETF azionari tendono a seguire un particolare settore o industria. Ad esempio, un ETF azionario può seguire i titoli del settore automobilistico o quelli europei. L’obiettivo è quello di fornire un’esposizione diversificata a un settore specifico, comprendente società ad alta performance e nuove società con potenziale di crescita. A differenza dei fondi comuni di investimento azionari, gli ETF azionari hanno costi più contenuti e non richiedono l’effettivo possesso di azioni.

ETF settoriali

Gli ETF settoriali sono progettati per fornire agli investitori un’esposizione al potenziale di rialzo di un settore monitorando le performance delle società che lo compongono. Gli ETF settoriali sono specializzati in un particolare settore. Ad esempio, un ETF del settore energetico conterrà azioni e/o obbligazioni di aziende che operano nel settore dell’energia. Il settore IT, ad esempio, ha registrato un recente afflusso di liquidità. Allo stesso tempo, poiché gli ETF non comportano il possesso diretto di azioni, il rischio di un andamento irregolare dei titoli viene attenuato. Gli ETF industriali sono spesso utilizzati durante i cicli economici per entrare e uscire dai settori.

ETF sulle materie prime

Come suggerisce il nome, gli ETF su materie prime investono in materie prime come il petrolio greggio o l’oro. Gli ETF su materie prime presentano diversi vantaggi. Innanzitutto, diversificano il portafoglio, rendendo più facile difendersi dai periodi di recessione. Gli ETF su materie prime, ad esempio, possono diventare una rete di sicurezza in caso di ribasso del mercato azionario. In secondo luogo, possedere azioni di un ETF sulle materie prime è meno costoso dell’acquisto della materia prima stessa, in quanto la prima non richiede assicurazione o stoccaggio.

ETF valutari

Gli ETF valutari tracciano la performance di coppie di valute che includono valute locali e straniere. Possono essere utilizzati per speculare sui valori delle valute in base alle tendenze politiche ed economiche di una determinata nazione. Gli importatori e gli esportatori li utilizzano per diversificare i loro portafogli o per coprirsi dalla volatilità dei mercati valutari. Alcuni di essi vengono utilizzati anche per proteggersi dall’inflazione.

ETF inversi

Gli ETF inversi cercano di trarre profitto dai ribassi dei titoli azionari attraverso lo shorting. Lo shorting è la pratica di vendere un’azione per poi riacquistarla a un prezzo inferiore nella speranza di un calo del prezzo. Un ETF inverso utilizza dunque strumenti derivati per vendere allo scoperto un’azione, scommettendo essenzialmente sulla caduta del mercato. Quando il mercato azionario scende, il valore di un ETF inverso sale di pari passo.

Come investire sul Metaverso con gli ETF

Metaverso è una parola usata per descrivere una versione futura della rete. L’obiettivo dell’investimento in questa tecnologia è quello di seguire la performance dell’indice Ball Metaverse al lordo delle commissioni e delle spese, concepito per misurare la performance delle azioni quotate in borsa delle società che svolgono attività o forniscono prodotti, servizi, tecnologie o capacità tecnologiche che consentono il Metaverse e traggono profitto dai ricavi da esso prodotti. In condizioni tipiche, il fondo investirà almeno l’80% del proprio patrimonio netto in società del Metaverso, comprese le ADR o le SPAC. Il fondo non ha alcuna diversificazione. La Securities and Exchange Commission ha autorizzato l’ETF, che ora è quotato alla Borsa di New York.