impronta di carbonio

Le criptovalute sono spesso lodate per essere più rispettose dell’ambiente rispetto alle tradizionali valute fiat, ma è davvero così?

In questo articolo daremo un’occhiata all’impronta di carbonio delle diverse criptovalute e vedremo come si posizionano l’una rispetto all’altra.

Che cos’è una criptovaluta?

La criptovaluta è un tipo di asset digitale che utilizza la crittografia per proteggere le transazioni e controllare la creazione di nuove unità di valuta. Decentralizzate – ovvero, non soggette al controllo di governi o istituzioni finanziarie – sono spesso scambiate su exchange e possono essere utilizzate per acquistare beni e servizi.

Ciò premesso, le criptovalute non sono certamente un asset a impatto zero. Hanno di fatti un’impronta di carbonio perché richiedono operazioni di mining ad alta intensità energetica per produrre nuove unità di valuta. Ad esempio, si stima che una singola transazione di Bitcoin provochi circa 17 chilogrammi di emissioni di anidride carbonica, perché l’estrazione di nuova criptovalute richiede molta potenza di calcolo, che a sua volta richiede molta elettricità. Secondo alcune stime, il mining di criptovalute potrebbe essere responsabile fino allo 0,5% del consumo globale di elettricità.

Come vedremo, ci sono alcuni modi per ridurre l’impronta di carbonio delle criptovalute. Uno è quello di utilizzare fonti di energia rinnovabili per le operazioni di mining. Un altro è quello di utilizzare criptovalute più efficienti che richiedono meno energia per il mining. Infine, gli utenti di criptovalute possono compensare le proprie emissioni investendo in compensazioni di carbonio o sostenendo progetti che combattono il cambiamento climatico.

Cos’è l’impronta di carbonio?

Prima di procedere oltre nel nostro approfondimento, rileviamo come l’impronta di carbonio sia la quantità totale di anidride carbonica (CO2) e di altri gas a effetto serra emessi da un individuo, un evento, un’organizzazione o un prodotto. I gas a effetto serra contribuiscono al cambiamento climatico intrappolando il calore nell’atmosfera.

Le criptovalute hanno un’impronta di carbonio perché richiedono elettricità per funzionare. L’elettricità utilizzata per alimentare le criptovalute proviene da diverse fonti, tra cui le centrali elettriche a carbone. Il carbone è un combustibile fossile che emette CO2 quando viene bruciato.

L’impronta di carbonio di una criptovaluta dipende dalla fonte di elettricità utilizzata per alimentarla. Le criptovalute che utilizzano energia rinnovabile hanno un’impronta di carbonio minore rispetto a quelle che si affidano all’energia del carbone.

È possibile ridurre la propria impronta di carbonio utilizzando meno elettricità, e potete anche compensare la vostra impronta di carbonio investendo in progetti di energia rinnovabile.

Che impatto hanno le criptovalute sull’ambiente?

Come abbiamo già rammentato, le criptovalute sono spesso citate per la loro natura decentralizzata e per la loro capacità di fornire un’alternativa alle tradizionali valute fiat. Tuttavia, è sempre bene sottolineare che le criptovalute hanno anche un impatto significativo sull’ambiente, considerato che sono spesso estratte con metodi ad alta intensità energetica, come il proof-of-work.

In termini esemplificativi, per estrarre una criptovaluta i miner devono utilizzare la potenza di calcolo per risolvere complessi problemi matematici. Questo processo, noto come “mining”, prevede che il miner che risolve il problema per primo venga ricompensato con una certa quantità di criptovaluta. Man mano che un maggior numero di miner si unisce alla rete, la difficoltà del rompicapo aumenta, richiedendo una maggiore potenza di calcolo per risolverlo.

Ora, può essere utile rammentare come l’elevato consumo energetico associato all’estrazione di criptovalute abbia suscitato preoccupazioni per il suo impatto sull’ambiente. Uno studio del 2018 ha ad esempio stimato che il solo mining di Bitcoin potrebbe portare a un aumento della temperatura globale di 2 gradi Celsius entro il 2033, valutato che l’estrazione di criptovalute richiede una grande quantità di energia elettrica.

Quali sono le criptovalute più ecologiche?

Quando si parla di criptovalute, una delle considerazioni principali è la loro impronta di carbonio. Poiché l’estrazione di Bitcoin da sola consuma più energia di alcuni interi Paesi, è importante considerare l’ecocompatibilità delle diverse criptovalute.

Quali sono le criptovalute più ecologiche?

Un’opzione è rappresentata dalle criptovalute a energia solare, un tipo di criptovaluta che viene estratta utilizzando pannelli solari, rendendola una risorsa completamente rinnovabile. SolarCoin, ad esempio, ricompensa i proprietari di pannelli solari che generano elettricità con token che possono essere utilizzati per pagare beni e servizi o scambiati negli exchange.

Un’altra opzione è rappresentata dalle criptovalute a energia idroelettrica. Come suggerisce il nome, questo tipo di criptovaluta viene estratto utilizzando energia idroelettrica, il che la rende un’altra opzione ecologica. HydroMiner, ad esempio, è una società di estrazione di criptovalute ecologiche che utilizza l’energia idroelettrica delle Alpi austriache per estrarre varie criptovalute.

Infine, c’è la criptovaluta alimentata dal vento. Le criptovalute alimentate dal vento vengono estratte utilizzando turbine eoliche, un’altra risorsa rinnovabile. Un esempio di criptovaluta alimentata dal vento è EOLcoin, che utilizza la capacità in eccesso dei parchi eolici per estrarre la propria valuta.

Quindi, se siete alla ricerca di una criptovaluta ecologica, prendete in considerazione le criptovalute a energia solare, idroelettrica o eolica!

Come posso ridurre la mia impronta di carbonio con le criptovalute?

Poiché il mondo è sempre più consapevole della necessità di ridurre le nostre impronte di carbonio, molte persone cercano modi per compensare le proprie emissioni. Un modo per farlo è investire in criptovalute, che possono contribuire a ridurre la propria impronta di carbonio.

Ci sono diversi modi per utilizzare le criptovalute per ridurre la propria impronta di carbonio. Uno di questi è l’acquisto di crediti di carbonio, che possono essere utilizzati per compensare le proprie emissioni o quelle delle aziende e delle organizzazioni che si sostengono.

Un altro modo per ridurre l’impronta di carbonio con le criptovalute è investire in progetti che lavorano per combattere il cambiamento climatico: ci sono infatti diversi progetti basati sulla blockchain che si concentrano sulla riduzione delle emissioni e, investendo in essi, si può contribuire a sostenere i loro sforzi.

Infine, è possibile utilizzare le criptovalute per donare direttamente a progetti di compensazione delle emissioni di carbonio. Esistono diverse piattaforme e organizzazioni che vi permettono di farlo e le vostre donazioni possono essere destinate alla compensazione delle emissioni provenienti da diverse fonti.

Prendendo alcuni semplici accorgimenti, potete usare le criptovalute per fare la differenza nella lotta al cambiamento climatico. Quindi, se state cercando un modo per compensare le vostre emissioni o per sostenere altri che stanno facendo lo stesso, prendete in considerazione l’investimento in criptovalute!